Margherita+ nelle scuole – Condivisione dei valori cooperativi

  • -

Margherita+ nelle scuole – Condivisione dei valori cooperativi

Cooperativa Sociale Margherita+,  in collaborazione con Confcooperative Toscana, la Federazione Toscana delle Banche di Credito Cooperativo e il Liceo Scientifico e Linguistico “Francesco Redi” di Arezzo ha promosso un progetto di diffusione della cultura cooperativa all’interno del Liceo “Redi”.

Il progetto Toscana 2020 vuole diffondere il modello cooperativo attraverso lo strumento di impresa cooperativa simulata grazie al Coop Work In Class, iniziativa di Alternanza scuola lavoro di Confcooperative.

Coinvolta nel progetto è stata la classe 4°G che ha concluso la prima parte del percorso con la simulazione delle firme dello Statuto e dell’Atto Costitutivo della nuova impresa cooperativa “FaREDI+” alla presenza del Direttore della Bcc di Anghiari e Stia nel ruolo di Notaio.

Mercoledì 28 marzo studenti e soci della nuova cooperativa si sono ritrovati nella prima Assemblea dei Soci. L’obiettivo è quello di organizzare delle attività all’interno del Liceo Redi per promuovere la raccolta differenziata e l’utilizzo di prodotti riciclati. Entusiasti di questo primo traguardo hanno così commentato: “Nonostante ci troviamo ancora al principio della nostra esperienza, abbiamo già imparato quegli importanti valori di cooperazione per raggiungere un fine comune, senza che nessuno prevalga sul prossimo. La consapevolezza di lavorare al fianco di persone che cooperano solamente per il bene del progetto conferisce un senso di sicurezza a tutti noi”.

Elementi chiave di questo percorso territoriale di successo sono state le diverse sinergie che si sono create tra il tutor di Margherita+, il tutor del Liceo Scientifico Francesco Redi, Confcooperative Toscana e la Bcc di Anghiari e Stia.

Oggi il modello cooperativo può essere visto come un modo per opporsi alla crisi dei valori, reagire alla diffusa conflittualità individuale e di sistema, ricostruire scenari di significato per le nuove generazioni e riaprire per loro opportunità di collocazione nel lavoro. Al contempo il mondo della scuola ha manifestato un interesse crescente a ricercare interlocutori capaci di interpretare e di proporre nuovi itinerari formativi che mirino allo sviluppo completo del cittadino solidale e del futuro lavoratore anche nella direzione di un’imprenditorialità protagonista e responsabile.


Facebook